Accesso Aziende Registra la tua azienda gratis

Come riconoscere il sushi di qualità?

Sia il ristorante che la postazione dello chef devono essere perfettamente puliti e ordinati.

18 apr 2017 Specialità gastronomiche - Tempo di lettura: min.

catering

Riesci a capire se il sushi che ti stanno servendo è di qualità? Ecco alcuni consigli per riconoscerlo.

Da diversi anni il sushi è entrato nella nostra quotidianità. Sushi bar, take away, ristoranti, vassoi al supermercato: si può degustare questa specialità gastronomica giapponese quasi ovunque. Innanzitutto, cos'è il sushi? Nella cultura giapponese indica una vasta gamma di piatti che solitamente si basano sull'utilizzo di riso, pesce, uova e vegetali. Maki, sashimi e nagiri sono solo alcune delle tipologie che possiamo assaporare.

Soprattutto a causa del pesce crudo che viene spesso utilizzato, è necessario fare estrema attenzione a dove si consuma questo piatto. Il sushi, inoltre, è una pietanza piuttosto complessa da elaborare che richiede molta pratica e l'utilizzo di ingredienti determinati. Ma, in generale, come si riconosce un buon sushi per evitare di mangiare cibo di scarsa qualità? Quali sono le caratteristiche che ci avvisano che stiamo per mangiare un sushi ben elaborato? Ecco alcuni consigli.

Le dimensioni

Il sushi va mangiato in un solo boccone e, per questo, deve avere delle dimensioni adeguate, senza essere né troppo piccolo né troppo grande, in modo tale da poterci permettere di assaporare tutti gli ingredienti allo stesso tempo. Il pesce, inoltre, deve coprire tutto il riso (che deve essere compatto) e non solo una parte. In caso contrario ci troveremo davanti a un piatto elaborato nel modo sbagliato.

Il pesce

Il pesce utilizzato nel sushi può essere sia cotto che crudo. Nel caso di salmone o tonno, ad esempio, è più probabile che venga presentato crudo visto che sarà stato congelato subito dopo essere stato pescato. Altri tipi di pesce, come ad esempio l'anguilla, dovranno essere cotti come richiesto dalle norme sanitarie corrispondenti.

Il riso

Per il sushi dev'essere usato un riso particolare (chiamato shari) che, dopo essere stato elaborato, deve avere un aspetto ben preciso: deve avere un leggero profumo ad aceto e dev'essere compatto, senza dare l'impressione di essere secco. Al gusto, invece, deve presentare un sapore tra il dolce e l'acido, ma allo stesso tempo né troppo acido né troppo dolce. Anche la temperatura è importante. Visto che durante la sua preparazione viene leggermente raffreddato con un ventaglio (uchiwa), il riso deve essere presentato a temperatura ambiente. Proprio per una questione di temperatura, è indispensabile che il sushi venga consumato immediatamente dopo la sua elaborazione per evitare che il riso risulti freddo e il pesce caldo.

Esistono altri "mini-consigli" per poter valutare la qualità del sushi che si sta per mangiare.

  • Il sashimi (fette di pesce crudo senza condimenti) ci permette di controllare meglio la freschezza del pesce. Approfittatene!
  • Il pesce del sushi dev'essere lucido e non colloso.
  • Il ristorante non deve puzzare di pesce visto che quello crudo, se ben conservato, non emana nessun odore.
  • Sia il ristorante che la postazione dello chef (solitamente a vista) devono essere perfettamente puliti e ordinati.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema - o se ti è venuta voglia di sushi! - puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in cucina giapponese.

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidacatering.it/proteccion_datos

Articoli correlati