Home Restaurant

La nuova realtà dei "social eating" rientra nella filosofia della "sharing economy" e potrebbe dare una mano alle finanze disastrate di molte famiglie appassionate di cucina.

29 mar 2017 Le interviste di GuidaCatering - Tempo di lettura: min.

Savigliano Cuneo

Proporre ricette della tradizione e piatti tipici agli gnammers (ospiti o utenti fruitori) che difficilmente si potrebbero trovare cucinati nello stesso modo in un ristorante tradizionale perchè frutto dei "segreti" tramandati da genitori e nonni e rivoluzionare il proprio modo di mangiare in compagnia utizzando il web come mezzo per tornare ad incontrarsi dal vivo intorno ad una tavola superando le barriere virtuali dei social. Forse è questa l'ultima nuova frontiera della "ristorazione".

E' in via di approvazione un testo di legge che rende tale attività saltuaria d'impresa assolutamente legale da ogni punto di vista, anche se non manca di criticità discutibili. Ci sono piattaforme digitali già organizzate per gestire le prenotazioni e i pagamenti.

L'Home Restaurant si configura come attività professionale saltuaria e sporadica, ossia come prestazione occasionale. Per tale ragione chi se ne occupa è dispensato dal possedere una partita IVA ma è - comunque - tenuto a rilasciare una ricevuta "non fiscale" a coloro (gnammers/ospiti) che partecipano ai loro eventi. Case, terrazze, giardini trasformati in ristoranti dove appassionati di cucina (un popolo di 7.000 cuochi amatoriali) propongono le loro specialità a turisti, avventori o semplici curiosi, trattati come ospiti personali però paganti. E' cosi anche questa iniziativa rientra appieno nella filosofia dello sharing economy e potrebbe diventare un piccolo aiuto per le economie familiari.E - intanto - attendiamo intrepidi gli sviluppi della nuova legge mentre il trend del fenomeno è in crescita. Alessandro Cascio Gestore di "Cibo&Amore" Home Restaurant

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidacatering.it/proteccion_datos

Articoli correlati