Natale Giunta: l'ambasciatore del gusto italiano

Noi di GuidaCatering abbiamo voluto intervistare per voi uno dei migliori chef italiani: Natale Giunta.

23 mar 2016 Le interviste di GuidaCatering - Tempo di lettura: min.

catering

Nato a Termini Imerese nel 1979, si rende conto già dai tempi della scuola che il suo futuro sarà in cucina. Nonostante la sua giovane età è già uno degli chef più importanti a livello nazionale. Durante la sua carriera ha ottenuto numerosi premi in vari campionati di cucina, ha portato in giro per il mondo la cucina siciliana, ha gestito vari locali e ne ha aperti di nuovi. Il suo obiettivo è sempre stato quello di emozionare attraverso la cura dei dettagli.

Ma ora lasciamo la parola direttamente allo chef Natale Giunta.

Quando e come è iniziato il tuo percorso da chef?

Penso di poter affermare di aver ereditato la passione per la cucina dalle sorelle greche di mia nonna, una in particolare, zia Paolina, con la quale da piccolo passavo molto tempo visto che i miei genitori lavoravano. La zia aveva il culto della cucina greca e siciliana, passava mattinate e pomeriggi a cucinare e questo è stato di sicuro uno dei passaggi cruciali della mia vita e della mia carriera. Ovviamente anche mia mamma è stata una fonte di ispirazione e sicuramente una donna alla quale devo molto. Ricordo che quando da ragazzino facevo il comis, una volta presi una padellata da uno chef...ero deciso a chiuderla col mondo della cucina, ed è stata proprio mia madre a farmi cambiare idea, ha sempre creduto in me!

Il mio percorso da chef posso dire che sia iniziato con la scelta dell'istituto alberghiero per i miei studi superiori: dopo il primo triennio a Cefalù, ho fatto un biennio a Venezia dove ho incontrato dei grandissimi maestri.

Dopo il diploma ho iniziato a lavorare per un ristorante di Termini i cui proprietari, dopo pochi mesi, mi proposero di prenderlo in gestione. Accettai perché volevo scommettere su me stesso e da quel giorno non ho mai smesso di farlo.

Com'è nata la collaborazione con la Prova del Cuoco? Puoi parlarci di quest'esperienza?

La mia splendida avventura alla prova del cuoco è iniziata 11 anni fa e come molte grandi avventure è iniziata un po' per gioco, un po' per scommessa. Conoscevo il programma solo perché ne sentivo parlare da amici e familiari, sono stati proprio loro a suggerirmi di provarci; così, senza pensarci troppo, un giorno decisi di farlo davvero.

Devo moltissimo a quel programma: il contributo della televisione e della Clerici sono stati determinanti per la mia vita e la mia carriera. Mi sento un po' l'incarnazione di quello che Antonella dice sempre:

«la Prova del Cuoco porta fortuna».

provadelcuoco.jpg

Natale Giunta vincitore a La Prova del Cuoco

Ti senti un messaggero del gusto italiano?

Mi sento forse più un portavoce e un ambasciatore del gusto italiano nel mondo. Viaggio molto per lavoro e per me è un immenso onore portare la cucina italiana fuori dai confini nostrani, far conoscere la qualità delle nostre materie prime e l'equilibrio nutritivo che contraddistingue la cucina mediterranea. Mi sento in dovere di trasmettere i grandi valori di cui è ricca la cucina italiana...la reputo la mia missione!

Per te cucinare è regalare emozioni o una forma d'arte? Oppure entrambe le cose?

Cucinare è sicuramente entrambe le cose: quando sono ai fornelli mi piace pensare che i miei piatti possano regalare emozioni a chi li gusta, a chi sa lasciarsi travolgere da sapori, profumi e colori coccolando non solo il palato ma anche l'anima; cucinare è anche una forma d'arte perché è un po' come dipingere con i mestoli al posto dei pennelli, il cibo al posto delle tempere e i piatti al posto delle tele...e come tutte le arti genera forme, colori e sensazioni e si nutre di ispirazione, cultura e istinto.

emozione-o-arte.jpg

Dove l'arte e la cucina vivono insieme.

Qual è il tuo sogno?

Posso affermare certamente che la vita mi ha regalato l'opportunità di veder realizzati molti dei miei sogni, o meglio, dei miei progetti più grandi. Mi reputo una persona concreta, più che un sognatore, ed oggi più che un sogno nutro una grande speranza: quella di poter regalare un'emozione, di migliorare una giornata storta, di donare un momento di spensieratezza e di procurare appagante soddisfazione dei sensi attraverso i miei piatti ed il messaggio che essi racchiudono.

Qual è il tuo ingrediente preferito?

Le erbe aromatiche senza dubbio: elementi semplici ed essenziali che sanno esaltare i profumi di ogni piatto.

Da buon siciliano, seconde te qual è il segreto per preparare un'arancina perfetta?

Partiamo dal presupposto che l'arancina è una cosa seria, è arte, tradizione e maestria: il segreto per realizzarla al meglio è la qualità delle materie prime accompagnata sicuramente dalla giusta cottura del riso ed alla croccantezza della panatura.

arancina.jpg

Fonte: cucina.studionews24.com

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidacatering.it/proteccion_datos

Articoli correlati